Jorge Canifa

Da wikiafrica.
Versione del 13 lug 2009 alle 19:39 di 95.74.162.166 (Discussione) (Biografia)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Jorge Canifa Alves (Mindelo, 1972-vivente) è uno scrittore, poeta, drammaturgo italo-capoverdiano.


Biografia

Nato nel 1972 nella città di Mindelo, isola di São Vicente, Capo Verde, vive in Italia dal 1979. L'infanzia l'ha passata in una piccola città di provincia: Marcellina. È tra i primi scrittori della migrazione italiana. Collaboratore dell'associazione letteraria Scritti D'Africa. Ha formato con Kossi Komla-Ebri, Cristina Ubax Ali Farah, Gabriella Ghermandi, Candelaria Romero, Teodoro Ndjock Ngana, Raffaele Taddeo il Gruppo dei Mengantini (il gruppo ha avuto vita breve ma gli artisti hanno continuato a mantenere il contatto individuale), gruppo letterario migrante che prendeva nome da via Menganti a Bologna, luogo del primo incontro del gruppo. E' stato dal 2004 al 2007 vice presidente della consulta per l'immigrazione per il quinto municipio di Roma. È dal luglio 2007 presidente di Tabanka onlus associazione per la cooperazione internazionale Italia-Capo Verde e per la promozione culturale di quest'ultima.

Influenze

Cresce con un'anima culturale tutta italiana fin verso gli Anni Novanta. Capo Verde non esisteva. Non per una rinuncia, o peggio, per un rifiuto delle origini. La madre per inserirlo meglio nelle scuole italiane pensò che dimenticare Capo Verde potesse essere per il figlio la miglior maniera di far parte del nuovo paese. Jorge a sei anni smette di parlare il creolo, dimentica i luoghi dell'infanzia, e tutto ciò che lo legava alla sua terra d'origine. Solo da adulto Jorge Canifa ritrova nella scrittura la sua terra perduta soprattutto attraverso Maria de Lourdes Jesus, giornalista Rai di Capo Verde.[1]

Bibliografia

I suoi racconti sono stati pubblicati sulle riviste Il giornale di Peter Pan, Caffè e nelle antologie Memoria in valigia (Fara Editore, 1997), Capoverde: nove isole e un racconto disabitato (Edizioni Le Lettere, 2000), Libera o liberata (Il Leccio Editore 2002), Italiani per vocazione (Cadmo Editore, 2005). Esce nel 2005 il suo primo libro Racconti in altalena (Edizioni dell'arco, 2005); mentre nel 2009 esce l'altra raccolta Il bacio bella Sfinge (Fuoco Edizioni, 2009).

Altri progetti

Nel 2006 insieme al gruppo teatrale da lui messo insieme: Raiz Longe, porta in scena alcuni spettacoli tra cui Gli Affamati che ottengono un gran successo di pubblico già alla prima uscita. Nel 2009, ancora con il gruppo Raiz Longe, porta in scena lo spettacolo Outsiders, in questo spettacolo forte è il suo sostegno ai giovani scegliendo la via del coordinamento del gruppo più che la viva partecipazione allo spettacolo: sceglie dei giovani sceneggiatori e un giovane regista a cui affida il progetto che denominerà Funanà, nome legato alla tradizione culturale capoverdiana. Collabora con il gruppo dei poeti Apollo 11 (letteratura) dal 2005.

Collegamenti esterni

Note

  1. Scego I., Mubiayi I. (a cura di), Quando nasci è una roulette, Terre di Mezzo, Milano, 2007.