Schiavo

Da wikiafrica.

La parola “schiavo” trova il suo significato profondo nella contrapposizione concettuale a “uomo libero”, ovvero nella esclusione sociale dalla collettività nella quale “l’uomo libero” nasce, si riconosce, viene riconosciuto e opera.

“All’uomo libero, nato nel gruppo, si oppone lo straniero (gr. xénos), cioè il nemico (lat. hostis) suscettibile di diventare ospite (gr. xénos, lat. hospes) o schiavo se lo si cattura in guerra (gr. aikhmalotos, lat. captiuus). ”

Lo “schiavo” è dunque qualcuno che non fa parte della comunità e che non gode dei diritti concessi al suo interno. Non essendo nato nella comunità ma venendo da fuori, dapprima come bottino di guerra e solo in secondo tempo in seguito a trattativa commerciale, lo “schiavo” è inevitabilmente uno “straniero”. L’intima connessione tra la condizione dello “schiavo” e quella dello “straniero” si rivela anche nei vocaboli utilizzati per indicare lo schiavo. In greco il termine più diffuso è doûlos e, nonostante alcuni tentativi di ricostruzione etimologica, sembra si tratti di una parola non greca. Che doûlos risulti un prestito proveniente da una qualche lingua non indoeuropea del bacino egeo oppure da una altrettanto non ben identificata lingua asianica, è indicativo il fatto che si utilizzi perlopiù una parola di origine straniera proprio per intendere una posizione sociale circoscritta ed esclusiva degli stranieri. In latino si ritrova la stessa situazione analizzando la parola seruus per la quale le etimologie proposte risultano insoddisfacenti. Così, anche nel latino, la condizione giuridica e sociale dello schiavo, non potendosi applicare a nessun cittadino romano, si definisce con un termine preso in prestito da un’altra lingua, probabilmente l’etrusco. Oltre ai prestiti da lingue straniere, molto spesso i popoli indoeuropei hanno utilizzato l’etnonimo di un altro popolo sottomesso per designare lo schiavo. È questo il caso del significato originario di schiavo, derivato dal nome stesso degli Slavi e ormai diffuso in tutto il mondo occidentale (inglese slave, francese esclave, tedesco Sklave, ecc.)